Be Hop Click and Mumbo Jumbo

by Be Hop Click

supported by
/
  • Immediate download of 8-track album in the high-quality format of your choice (MP3, FLAC, and more). Paying supporters also get unlimited mobile access using the free Bandcamp listening app.

    FREE DOWNLOAD! Oppure offerta libera, se ci vuoi così bene!

     name your price

     

1.
04:37
2.
04:17
3.
4.
04:34
5.
04:14
6.
04:45
7.
8.

credits

released 25 January 2012

tags

license

all rights reserved

feeds

feeds for this album, this artist
Track Name: Crunt
SASHA

ho i miei tempi cazzo devo prepararmi
ho i miei tempi non importunarmi
ho i miei tempi
farò tardi ma c'ho i miei tempi ho i miei tempi

ho i miei tempi devo prepararmi
ho i miei tempi non importunarmi
ho i miei tempi
farò tardi ma c'ho i miei tempi ho i miei tempi

ho i miei cazzi i miei ragazzi
pacchi di stile che tu non smazzi vez
lasciami perdere è una gara di velocità con l'etere
non voglio competere ma devi ammettere
che con le metriche ci vado svelto
rapper scelto dal meltingpot
london come rimbombo vengo dal nuovo mondo
dove si mangia in un secondo
fast food più di spizzico
cento vizzi capitali e niente virtù
non spiccico parola con nessuno
tanto ormai nessuno parla più
assorbiti dal laptop telefonino
non c'è più spazio per un porrino
forse è il tuo destino ma il mio no
non ci penso manco morto
sono contro il logorio della vita moderna
tanto che il tuo pub lo chiamo ancora taverna
ho ancora dei valori e ciò mi sconcerta
non credo nella dea della gamba aperta
tornerò dal futuro per godermi un'amaro del capo
senza che il capo facendo il duro mi scaldi il collo con il suo fiato

RWENZ

lesto con le rime come quando con le mani
ti ritrovi con i colori a colorare dentro e fuori
se mi pompano spero sia una che le pompe le fa
non fanatici ruvati alla fabbrica

Non so se il tempo è oro o con l’oro compri il tempo
Ma non perdelo con i perdi tempo
Aspettando che il momento sia quello giusto
Finirai come gli ebrei ad aspettare cristo
Millenni di attesa in sala d’attesa
Ho tanta pazienza ma m’è già scesa
La routine che stressa la stessa mesta giornata e la testa che pesa
Dilato la serata la porra accesa aiuta nell’impresa
che dovevo fare? cazzo la spesa
no proprio non ci riesco non ho un momento
sono indietro come i viaggiatori del tempo

ma vado lesto con le rime come quando con le mani
Ti ritrovi a colorare dentro e fuori
e se mi pompano spero sia una che le pompe le fa
E non un carramba che fugge da foggia

BOCH

Programmo il pilota in automatico
è suonata la svelgia e dal stato di statico
passo subito all'azione ma nel giro di un attimo
accumulo valanghe di ritardo cornico
recupero i minuti in modo metodico
attivo le gazzelle col pulsante bionico
per andare più veloce le onde radio della voce
battono i fotoni della luce
poi mi fermo e tutto tace
una vocina molesta compare e mi dice
“i treni erano in orario solo ai tempi del duce”
odio la versione lineare del tempo
simatizzo l'eterno ritorno vivendo
nel mondo ciclizzato che intendeva Guglielmo
spero sia contento se lo difendo
a spada tratta
quando gioco a dama coi secondi
con finisce mai patta
mentre nel libero tempo mi cimento
in un duro allenamento per diventare più svelto
amico mica mento
se ti dico che batto zero a cento sia bolt che suo papà il vento
Track Name: Three (feat Ribbo Res)
RWENZ

Mi sveglio nudo nella cameretta sudo
Apro tutte le porte cercando qualcuno
Trovo nessuno senza rotelle come tootle
fuori c’è il sole eppure io vedo buio
Ho cercato le risposte all’ assoluto
Pensavo di capirlo ma sono sempre caduto
ancora di più le volte in cui non ho creduto
Dovevo dirti una cosa ma sono rimasto muto
Le parole non dette le cose non fatte
Cassetti sigillati e sogni messi da parte
Tutto ciò che resta ballerà nella tua testa
Un ballo su una carcassa ciò che resta
Non credo in me perché non sono credente
Preferisco non pesare e ora peso niente
Pensare tutto è peggio che pensare niente
Cerco appigli per il ripiglio della mente
non ammettere che penso ancora a lei
E dopo mettere le speranze in un replay
Vorrei smettere solo ricordi ormai sei
ripetizione poco nitida come un deelay
non ne parlo perché sono solo cazzi miei
mi muovo a random non so più cosa vorrei
si può essere allo sbando se hai una strada
ma io mi muovo per boschi loschi dei
peggio posti dei vecchi volti dei miei
che mi ricordano che vale la pena vivere
dividere emozioni e condividere
brutte situazioni ma non solo per scrivere quattro nuove canzoni


SHINEZZ

prendo la stafetta di renzetta
comincio senza fretta ma
ho l'acqua in gola e
il fegato in una stretta
maledetta la luna che svetta
illumina quest' arida raduna della steppa
taggo Sneppa
prova a reppare
ho più inchiostro di una seppia
cerco un 'andatura corretta
quello che posso disdire disdico
tutto quello che posso finire finito
ho preblemi di gestione delle cose
di digestione delle rose
di digestione
acidità di stomaco tensione
male a un tallone
per tornare a csa ne dovrò fare un milione
non sopporto chi ha la metrica migliore
se poi la contrappone a spessore da squaccherone
non sopporto la condizione di spettatore
difronte ad un adiratore che si maschera
col nome di un partito dell'amore
brucerei Arcore ma non sono hardcore
chi si dice parco è solo un porco
e uno spacciatore di falsi miti
verità non dimostrabili
e segreti custoditi con avidità
posti ambiti ceduti per anzianità
puttanaggine potrei mettere giù pagine s pagine
questa faccenda è torbida come la mucillagine
questo sistema è ignobile per quanto fragile
serve testardagine tirarlo giù a testate perchè
non sono bastate le vite sacrificate al margine
non ostante la mia origine ti dico
se questa è una guerra punica parteggio per Cartagine

DOUBLE ç

Rientro in occidente come fossi dentro un film
vita estetica e pulita si dipinge di routine
dopo settimane a base di banane rice and bean
l'asfalto delle strade e l'autogrill fanno un certo effetto
le persone non profuman più di pelle ma di qualche strano unguento
sento che ora posso nuovamente stare dentro
una folla senza diventarne automaticamente il centro
per il colore del mio viso che ho e che rappresento
e ti rendi presto conto di quanto a 18 anni tu sei adulto già da tanto
di quanto è illuso il west dell'uomo bianco
che fa vite da sogno e infatti sta sognando
che in questioni di numeri valiam piuttosto poco
nonostante la superiore potenza di fuoco
e se gli parli dei problemi che abbiamo in loco – ridono
come se stessi parlando per gioco.
Ricordo gli afro nelle jam fare mosse di karate miste a salti da top ten
cosachécchui chiamàano break dance
su basi a bese di bonghi stile incredible bongo band
e camminare nelle strade delle baraccopoli su cumuli di plastica
portetto da un gruppetto di bambini che ci abbita
la povertà non è mica tanto estetica
ma il loro stile di vita almeno comprende un'etica più forte
in quanto vivono a contatto stretto con la morte
l' HIV è alle porte e ciò ti rende consapevole
che non ti puoi permetter di essere debole
e piangere, se cammina scalzo è spiacevole


RIBBO RES

Questa vita va
io la inseguo ma arranco
col viso stanco
di chi non sa come si fa
da ogni errore che ho fatto
qualcosa l' ho imparato
e gli sono grato perchè
m' ha portato fino a qua
la mia mentalitˆ dopo la comunitˆ
è libera solo nel buio
manco fossi in ramadan
adesso voglio pensare a quello che sarˆ
e quegli anni da buttare non me li ridaranno
non credo alle utopie già da tempo
e invento il mio sentiero da zero
seguendo solo il mio buonsenso
ma quando i tuoi demoni
ti fanno gli occhioni come i lemuri
non cedergli e non credergli
o finisci che li emuli
tu credi di aver modo di reagire
ma sanno i tuoi punti deboli
e in più sanno colpire
quindi molla il colpo
chiudi gli occhi o sei morto
ma se poi non li apri
t'entran dentro da sotto
se il problema non lo vedi
non vuol dire sia risolto
ti cresce dentro come un mostro resistente all'aborto
tocca pensare elaborare lavorare molto
prima che il male si presenti a presentare il conto
devi sapere se scappare e fare retro front o
quando è il momento di attaccare e di arrivare infondo
se lo sapessi sarei un uomo senza pesi
ma se non avessi pesi sarei un uomo la metà profondo
e qui ritorno al concetto iniziale
tu puoi sbagliare puoi ignorare le pare
e cercare di star meno male
ma ti devi analizzare se ti vuoi migliorare
e migliorarsi in combo
potrebbe anche migliorare il mondo.
un giorno...
Track Name: Bololoco
RWENZ

Prima di spaccare devi imparare a parlare
fare, senza blaterare
devi sgobbare devi sgommare
ci facciamo zero pare a far scappare un 'mbare che prova a fare il cazzo che gli pare
(hhhh) Devo respirare devo restare
ma se resto divento banale come rimare in are
esco presto ho deciso di sfondare nel mercato
ho già comprato ariete e carrarmato
rinato dopo essere crepato a metà disco
soy mas listo de un mexicano al confine americano con grossi problemi al visto
Visto! E' tutto ciclico ritorno all' inizio
con tequila e pampero
ti vedo sempre ma meno
in credo in quello che vedo
e vedo quello bevo
e vedo quello che bevo
e bevo quello che vedo e vedo quello che vedo...
E vedo posti riscoperti con altri occhi
vicoli loschi piazze e colli fatti nostri
con Be Hop Click stai sempre in Bolo city
io parto da Porto tu quando parti ti porti dentro parti di portici
Yo! Double ç decanta e dopo cantici di BO e i suoi edifici

DOUBLE ç

40100 bologna centro
le tue strade il tuo accento
case in stile 600
pare un viaggio nel tempo
manchi sai mi manchi dentro
sei bella più che mai in questo momento
ti sogno sempre ma non mi lamento
ti cerco sei lontana ma ti sento quando parlo
il bolognese brenso con la gente dal trentino al salento
e molto spesso penso che sei bella in tanti modi
sei bella se ti siedi in piazza
al pratello sui colli bolognesi
ho passato mesi e mesi a girarti a piedi
moto bici macchina
bologna mi affascina la porticata è tattica
e non darlo per scontato perchè bolo in questo è l'unica
ti ripara se piove con l'afa dell' estate ti fa l'ombra contro il sole
e quando il cielo è azzurro far l'amore sull'appenino
a luglio agosto settembre
torni dalle vacanze che c'è un botto di gente (beeella veez)
ballotte sparse da san dome a piazza XX settembre
ghetto ebraico
circoloquace
feste al free go solamente d'estate
caldarroste in inverno
cicchettaro in eterno via zamboni è l'inferno
finestrella sul fiume
il nettuno dotato
san francesco margherita
santo stefano il paco
bolognina mazzini
saragozza san donato

SHINEZZ

credo di stare impazzendo
bologna io la vivo ogni giorno
ma sempre dietro ad uno schermo
mi soffermo a commentare glieventi cercare i nuovi talenti
del web link appariscenti che splendono
ragazze che non dimentico
scazzi che non si dimenticano ma dai mò
sono più infossato ora di quando stato a BO
cazzo! comunque facebook lo ringrazio
tu cercavi un ragazzo io invece non sai quanta spam ti faccio
scritto su un braccio, in strada su un pezzaccio
il messaggio è Be Hop a Bo and Europe c'è spazio
quindi dai cazzo che la rossa dalle tette grosse
fa le prime mosse sempre mi riempie sapere che da noi
c'è bella gente obiettivamente chiedi in giro
salgo dammi il tiro faccio un tiro poi mi metto in tiro
mi ritiro solamente all'ultimo sospiro di sollievo
mi sono ripigliato adesso bevo
ti chiedo vediamo se hai capito questo slego
Track Name: A.C.A.B.
DOUBLE ç

Facile a dirsi
ma tra il dire e il fare ci stanno gli abissi
essere onesti con se stessi e mai tradirsi
riprendere fiato dopo momenti tristi
con la fotta di un leone per dimostrarti
che esisti e capirsi come veri amici
sotto casa tua lontano dai rumori della via
o in cima a casa mia sui tetti di bologna
che ti abbracci o che ti spacchi te la ridi perché sei di gomma.
Se c'è buio intorno a me
sempre c'è la vostra luce che m'inonda
ma tutti qui hanno la propria strada
e prima o poi cambierò me stesso città
riferimenti e casa rimanendo sempre in forma
e con la fotta ciuiciui quanto cassius clay
all'incontro dei nemici sul ring
andando via di qui sicuro di tornare senza dientacare le radici

rit. Vivo attimo dopo attimo dopo attimo
come un torrente in piena
mi lascio andare alla corrente che va

attimo dopo dopo attimo
come un torrente in piena
mi lascio andare alla corrente che va


SHINEZZ

È un nuovo giorno, mi sveglio pronto ad affrontare il mondo
Grondo ancora dei residui di un sogno
Vago a zonzo con il cervello sgombro
La notte ha macinato i contro del tramonto
Anche se li supero non me li scordo
Anche se fingo non sono sordo
Tutta la merda che vedo non la ignoro,
Ma tutto il veleno che sputi non lo ingoio
Trasformo lo sterco in oro, Divoro luce
se me la togli muoio, come le lucciole.
Resto appeso a un amaca come le grucce
Tiro su I piedi e mi cadono le babbucce
Sorvolo, osservo, cerco, trovo, muovo I pezzi della mia bolo
Mi arruolo, combatto, guardo indietro e comprendo che non mi è nuovo

rit. Vivo attimo dopo attimo dopo attimo
come un torrente in piena
mi lascio andare alla corrente che va

attimo dopo dopo attimo
come un torrente in piena
mi lascio andare alla corrente che va


RWENZ

Ho bisogno di credere in un sogno
Ho bisogno di un hobby creativo
E quindi come hobby sogno che il fabbisogno
della mia parte creativa
Si esprima fina tra metrica e rima
schivala la tipa schiva prima che si sfila tutto e poi riga
Diga
Parla con me o con la parte cattiva
della mia anima priva di valori
soliti solidi come dighe di castori
Noi Come maori sul bumbumcha
ti dico caccia mumbo jumbo è carezze sulla pancia
Di faccia atterro e vado avanti in retromarcia
marcia tu tra le fila di figli di mamma ambigua
Per vivere in relax La risposta giusta e sticaz regaz
il super wolleggio del primo pezzo
ricordi che non hanno prezzo
grezzo sempre grezzo resto
Disinnesco la bomba che ho ed esplodo dentro
colgo ogni cambiamento ma lo comprendo solo
Quando ormai è finito il tempo

rit. Vivo attimo dopo attimo dopo attimo
come un torrente in piena
mi lascio andare alla corrente che va

attimo dopo dopo attimo
come un torrente in piena
mi lascio andare alla corrente che va


do the best if you can ho sognato un featuring con ribbores
In the next track behop click resta la cosa più bella che c’è